Passa ai contenuti principali

INTERROGAZIONE SEN GIARRUSSO SU SCONFINAMENTO PEDINAMENTO A SAN MARINO DA PARTE ITALIANA NEI CONFRONTI DEL COL. PACE

ePub Versione per la stampa Mostra rif. normativi Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-06936 Atto n. 4-06936 Pubblicato il 2 febbraio 2017, nella seduta n. 754 GIARRUSSO , SANTANGELO , PUGLIA , CAPPELLETTI , MORONESE , LEZZI , BLUNDO , DONNO , MORRA , PAGLINI - Al Ministro dell'interno. - Premesso che: secondo quanto riportato da "ilvelino" del 19 maggio 2016, il colonnello della Guardia di finanza Omar Pace, in forza presso il primo reparto della DIA (Direzione investigativa antimafia) di Roma, morto suicida il 14 aprile 2016, sarebbe stato pedinato durante le sue attività di insegnamento presso l'università degli sudi di San Marino, dove era docente a contratto; risulterebbe inoltre che il pedinamento del colonnello Pace a San Marino sarebbe stato eseguito da operatori della stessa DIA; secondo quanto riportato dallo stesso quotidiano il 15 aprile, il colonnello Pace, prima del suicidio, sarebbe stato fatto oggetto di pressanti e vessatorie restrizioni, quali il divieto a proseguire la docenza nei corsi universitari e addirittura il divieto di mantenere rapporti con magistrati con i quali aveva svolto importanti collaborazioni investigative; secondo quanto dichiarato dalla vedova, al quotidiano "Il Tempo" il 19 giugno 2016, l'escalation di pressioni e vessazioni si sarebbe verificata, in particolare, nell'imminenza della sua testimonianza nel processo in corso di svolgimento a Reggio Calabria nei confronti dell'ex Ministro dell'interno Claudio Scajola; considerato che, per quanto risulta agli interroganti: il colonnello Pace sarebbe stato pedinato da "colleghi" della DIA, da lui personalmente riconosciuti, durante una lezione dallo stesso tenuta presso l'università di San Marino; il pedinamento sarebbe avvenuto all'insaputa delle autorità di San Marino e quindi in palese violazione di tutte le norme nazionali, internazionali e pattizie che disciplinano le attività delle forze di polizia all'estero e soprattutto in palese disprezzo della sovranità nazionale dello Stato di San Marino, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti esposti; se non intenda avviare con urgenza, nell'ambito delle proprie attribuzioni, approfondite indagini interne affinché sia verificato: chi avrebbe disposto il pedinamento del colonnello Omar Pace e per quali motivi; chi avrebbe disposto che il pedinamento del colonnello Pace fosse eseguito nel territorio dello Stato di San Marino e cioè di uno Stato sovrano straniero; quali siano i motivi per cui forze di polizia italiane avrebbero effettuato tale pedinamento non informando le autorità di polizia dello Stato di San Marino; quali provvedimenti intenda adottare nei confronti degli eventuali responsabili dei fatti, anche considerando che, a giudizio degli interroganti, si tratta di circostanze inqualificabili.

Commenti

Post popolari in questo blog

REPORT 2017 - CRIMINALITA' CINESE

CRIMINALITA' CINESE
A FIRENZE, PRATO E DINTORNI




RAPPORTO 2017



                                                                                  A cura di Salvatore Calleri
INDICE
PREMESSA
LA FAMIGLIA HSIANG
FORME DI MAFIA CINESE - RAPPORTO 2010
SITUAZIONE ODIERNA
INTERROGAZIONE SEN. LUMIA SU RAPPORTO 2016
RIFLESSIONI FINALI



PREMESSA



Dove c'è criminalità, specie quella di tipo mafioso, non c'è sviluppo economico o sociale, e il lavoro, quello legale, può rappresentare una prevenzione contro questo tipo di fenomeni e al loro espandersi specie tra i giovani''.


P.L. Vigna, gennaio 2011, seminario Cgil Toscana




È oramai noto come le mafie riescano a propagarsi e ad attecchire nei territori del centro e del nord Italia utilizzando la loro arma più potente, linfiltrazione nel sistema delle relazioni sociali: la mafia non si limita a esportare manovalanza criminale, fa leva anche su una collaudata capacità di intrecciare relazioni con imprenditori, politici, amministratori…

REPORT 2017 FONDAZIONE ANTONINO CAPONNETTO LA GUERRA DI MAFIA ITALO-CANADESE

REPORT 2017
FONDAZIONE ANTONINO CAPONNETTO
LA GUERRA DI MAFIA
ITALO-CANADESE

A cura di Salvatore Calleri Giuseppe Lumia Simona Trombetta




INDICE
PREMESSA
IL PERCHE' DI UN REPORT SU UNA GUERRA DI MAFIA
LE CARATTERISTICHE DI QUESTA GUERRA
Antefatto storico Principali eventi delittuosi della guerra di mafia Censimento gruppi criminali presenti
SCENARI ESISTENTI
CONCLUSIONI




PREMESSA
La Fondazione Caponnetto da tempo cura dei Report antimafia inerenti ad aree geografiche ben precise con l'intenzione di fotografare la situazione presente e fornire elementi di riflessione e di analisi utili a contrastare il crimine organizzato e/o mafioso.
Oggetto del presente rapporto è la guerra di mafia internazionale che vede protagonista in terra di Canada una famiglia mafiosa italo-canadese di primaria importanza, quella dei Rizzuto, provenienti da Cattolica Eraclea in provincia di Agrigento.
IL PERCHE' DI UN REPORT SU UNA GUERRA DI MAFIA
Le guerre di mafia sono oggi un fenomeno quasi assente o, se presen…